Da un po’ di tempo non ci parliamo.
Non è un problema di tempo o di mutati interessi.
Semplicemente arrivano momenti in cui cí poco da dire e generalmente in BB le chiacchiere a vuoto sono poco apprezzate.
Giustamente.
Perché chi condivide la nostra filosofia di Motociclisti sa che sono molto meglio i fatti delle parole.
E i fatti si chiamano Viaggi.
Che non sono le piacevoli ìsgambateî del fine settimana, quei 150/200 chilometri fatti tanto per provare le ultime modifiche o vedere quella stradina così promettente.
I Viaggi sono quelli che volonterosi Soci organizzano per far sì che da tutta la penisola i BB arrivino in un determinato punto e inizino a divertirsi tutti insieme.
Magari facendo 8 ore di strada, due ore con la Banda e altre 8 ore per tornare a casa.
E quando durante líarco dellíanno il 50% della BB presente a questi Viaggi significa che tutto va come dovrebbe andare, come chi entra in BB si aspetta che vada.
Anche se parliamo poco.
Così, magari, quando parliamo diciamo le cose che contano davvero.
E non avendo le orecchie piene di parole, intendiamo bene ci che ci viene detto.
Quelli della BB che erano con me all’Ace lo ricorderanno: nelle soste le frasi erano poche, essenziali.
Bastavano gli sguardi a far apparire un mondo di emozioni; lo si vede anche dalle fotografie.
Così stato per Digione e poi per l’Isola di Man e per l’Austria e poi per chissà quanti altri Viaggi.
Quelli passati, quelli presenti e, ne sono certo, quelli che verranno.
Grazie a voi, BB, che ci siete e che viaggiate.
E io sono molto fortunato ad essere il Presidente della BB.
Perch so che servono poche parole perch mi capiate.

O no?

Ceccomannaro